I protocolli di svezzamento riducono la durata della ventilazione meccanica nei pazienti adulti in condizioni critiche

Added May 1, 2020

Citation: Blackwood B, Burns KEA, Cardwell CR, et al. Protocolized versus non-protocolized weaning for reducing the duration of mechanical ventilation in critically ill adult patients. Cochrane Database of Systematic Reviews 2014; (11): CD006904.

Svezzamento protocollato vs svezzamento non protocollato per ridurre la durata della ventilazione meccanica nei pazienti critici adulti

Di cosa si tratta: Alcuni pazienti COVID-19 si ammalano gravemente e necessitano di assistenza respiratoria, che può essere fornita con ventilazione meccanica (VM) nei reparti di terapia intensiva. I medici usano diversi metodi per interrompere la ventilazione quando i pazienti guariscono, tra i quali i protocolli ufficiali di svezzamento.

In questa revisione sistematica della letteratura (Cochrane), sono stati ricercati studi clinici randomizzati o quasi-randomizzati che analizzavano gli effetti dei protocolli di svezzamento sul tempo speso dai pazienti critici sotto ventilazione meccanica. Non sono state imposte restrizioni relative alla lingua di pubblicazione e le ricerche sono state effettuate nel gennaio del 2014. Gli autori hanno selezionato 13 studi nei quali i medici hanno seguito protocolli di svezzamento per ridurre il supporto della ventilazione meccanica, e quattro studi nei quali la riduzione del supporto alla ventilazione è avvenuta automaticamente avvalendosi di computer programmati a seguire i protocolli.

Cosa funziona: L’uso dei protocolli di svezzamento riduce il tempo medio sotto ventilazione meccanica, la durata dello svezzamento stesso e la durata della permanenza in terapia intensiva, senza causare ulteriori danni.

Cosa non funziona: I protocolli non si sono rilevati vantaggiosi per i pazienti post-operatori in neuro-chirurgia.

Cos’è incerto: Sono stati esaminati diversi protocolli di svezzamento e rimane incerto quali protocolli funzionano meglio in base al tipo di paziente.

 

Disclaimer: Questo riassunto è stato scritto da membri dello staff e volontari di Evidence Aid, per rendere il contenuto del documento originale accessibile a cariche che sono alla ricerca di linee guida basate su evidenze scientifiche riguardanti il coronavirus (COVID-19), ma che non hanno il tempo, inizialmente, di leggere l’intero articolo completo. Questo riassunto non dovrà sostituire consigli medici da parte di professionisti sanitari e della salute, associazioni professionali, sviluppatori di linee guida o governi nazionali e agenzie internazionali. Qualora i lettori di questo riassunto ritengano che l’evidenza presentata nel riassunto sia per loro rilevante, dovranno riferirsi al contenuto e ai dettagli dell’articolo originale, e alle linee guida offerte da altri esperti, prima di prendere una decisione a riguardo. Evidence Aid non sarà responsabile di qualsiasi decisione presa riguardo al coronavirus (COVID-19), solamente sulla base di questo riassunto.

Share